“Rete che unisce collegamenti ipertestuali con un sistema di navigazione e visualizzati sul computer attraverso appositi programmi software (detti browser).”

Agli occhi di molte persone la definizione di web è come qualsiasi altra definizione, contorta e macchinosa. Personalmente mi piace definire il World Wide Web in una parola: opportunità.

Potremmo stare qui ore a parlare dei pro e dei contro di questo nuovo mondo, ma senza dubbio il web, il digital marketing e le forme pubblicitarie hanno subìto una rivoluzione straordinaria nel corso degli ultimi anni. Una rivoluzione che apre tantissime porte e crea molte opportunità.

Con questo progetto mi impegnerò a raccontarvi il mio percorso nel mondo del digital marketing,  promuovere con tutte le mie forze la divulgazione delle informazioni e sperare che questo blog possa essere d’aiuto per molte persone.

Cercherò di raccontarvi come mi sono messo in gioco cercando di applicare tutto quello che ho appreso in tre anni, di studi universitari. So cosa stai pensando… l’università ormai non determina il grado di preparazione, sopratutto in quest’ambito. Infatti non tratterò esclusivamente contenuti teorici.

Tutti questi articoli saranno “conditi” con case study su progetti reali che sto portando avanti.

L’obiettivo è quello di compiere uno studio approfondito della materia, fino all’applicazione pratica su progetti reali.

In particolare vi racconterò come in questi mesi sto cercando di avviare un business online da zero, un sito e-commerce basato sul modello data-driven, che sicuramente sarà un pilastro portante di questo blog. Ma veniamo al punto di questo articolo.

 

Che cos’è il Digital Marketing?

Se hai già qualche esperienza in ambito avrai già sentito parlare di termini come SEO, SEM, Display advertising, Analytics ecc… è quindi difficile trovare una definizione soddisfacente per il marketing digitale. Per avere un’idea possiamo dire:

“Il digital marketing è l’insieme delle attività di marketing che utilizzano i canali web per sviluppare la propria strategia, analizzare i trend di mercato, prevederne l’andamento e creare offerte sul profilo del cliente target”

In sostanza possiamo dire, che sono tutte quelle attività strategiche, che si affiancano alle normali operazioni di marketing tradizionale, volte a migliorare il business, trovare nuovi clienti ed essere competitivi sul mercato.

Fino qui sembra abbastanza chiaro, il digital marketing è un insieme di discipline, ma quali sono gli strumenti e canali legati al Digital Marketing? L’elenco è abbastanza lungo e sopratutto in continua evoluzione.

Se quando parliamo di digital marketing è abbastanza scontato pensare al mercato online, non è così scontato, invece, pensare alle discipline appartenenti a questo ramo.

Vediamo ora alcune delle singole attività per muoversi con consapevolezza all’interno dei meandri del digital marketing:

  • SEO (search engine optimization)

SEO è quell’insieme di strategie e pratiche volte ad aumentare la visibilità di un sito internet migliorandone la posizione nelle classifiche dei motori di ricerca, nei risultati non a pagamento, detti risultati “organici”.

S.E.O. è un acronimo che sta per Search Engine Optimization, tradotto letteralmente: “ottimizzazione per i motori di ricerca”.
Queste pratiche sono molteplici e riguardano diversi aspetti di un sito web: l’ottimizzazione della struttura del sito, del codice HTML, dei contenuti testuali, la gestione dei link in entrata.

Poiché Google è il motore di ricerca di gran lunga più utilizzato al mondo, la maggior parte delle attività SEO riguardano lo studio dell’algoritmo di Google e dei suoi periodici aggiornamenti, e le relative azioni per rendere i siti più “graditi” a tale algoritmo.

  • SEM (search engine marketing)

Per search engine marketing si prendono in considerazione tutte quelle attività per ottenere traffico qualificato sul proprio sito a pagamento, spesso infatti non sempre a un aumento delle visite organiche provenienti dai motori di ricerca, corrisponde un aumento delle conversioni. 

Insomma, molto spesso, al Traffico Organico è necessario il supporto di quello a Pagamento.
Per Traffico a Pagamento si intende, in buona sostanza, quello generato tramite Google Ads.

  • Content Marketing

Spesso associato al digital marketing si parla di content marketing, ossia l’attività di creazione e condivisione di contenuti da diffondere sui canali digitali per ingaggiare le persone e stabilire con loro delle connessioni di lunga durata stimolando il loro interesse. Fornendo contenuti di valore e creare un rapporto solido e duraturo con il cliente.

  • Social Media Marketing

Il social media marketing potrebbe rientrare sicuramente nella categoria della creazione di contenuti per fare marketing. Parlando dei principali social media come, Facebook, Instagram e Twitter, ormai tutti sappiamo che all’interno delle piattaforme non ci sono solo persone fisica, ma anche brand che comunicano ogni giorno con i propri clienti, e come lo fanno? Attraverso la creazione e proliferazione dei contenuti sulle principali piattaforme.

Forse il social media marketing è la strategia di comunicazione più vicina al cliente, infatti condividendo post e rispondendo ai commenti, si ha un feedback diretto dai propri clienti.

  • Email Marketing

Spesso mi capita di sentire: “ma chi apre ancora le pubblicità via mail?” nonostante ognuno di noi abbia migliaia di mail mai aperte sulla casella di posta, l’email marketing è una delle strategie più proficue in termini di ritorno sugli investimenti (ROI), sopratutto quando si parla di ecommerce.

L’email marketing comprende tutte quelle attività attuate attraverso l’invio di mail.

  • Digital Analytics

Personalmente la trovo la disciplina più interessante e innovativa. Di cosa si tratta?

Web Analytics è la misurazione, la raccolta, l’analisi e il reporting dei dati di Internet allo scopo di comprendere e ottimizzare l’utilizzo del web.

La web analytics ha l’obiettivo di comprendere i dati raccolti attraverso software di data collecting per migliorare l’interazione degli utenti con il nostro sito web, consiste più precisamente nella rilevazione del loro comportamento all’interno del sito web e in una seconda fase l’analisi e l’ottimizzazione di esso.

 

Ma quindi, cosa fa un digital marketer?

L’attività del digital marketer comprendere tutte le attività riguardanti la SEO (search engine optimization), SEM (search engine marketing), ma include competenze ed esperienze specifiche nell’uso degli strumenti come Google Ads, email marketing, SMM (social media marketing), Facebook Ads, lead generation e chi più ne ha più ne metta.

Dopo queste nebulose definizioni del mondo del digital marketing, vediamo concretamente le differenze che ci sono dal marketing tradizionale.

Il digital marketing:

  1. Fornire valore al cliente per creare lealtà al brand (content marketing > brand loyalty)
  2. I video o i blog educano i clienti in modo che possano comprare in futuro
  3. Attrarre nuovi clienti creando contenuti di valore tramite blog e/o video

Il mezzo di comunicazione ovviamente è il web.

Il marketing tradizionale:

  1. Interrompe invece di offrire qualcosa di valore (pubblicità in televisione)
  2. Attirare l’attenzione solo per un breve periodo
  3. Generalmente più costoso specialmente se le campagne non vanno a buon fine

Il mezzo di comunicazione sono tutti i canali tradizionali.

 

Quali sono i vantaggi del digital marketing?

Misurazione dei risultati ottenuti. A differenza delle attività di marketing tradizionale e offline, il digital marketing permette di misurare con precisione, grazie a metriche ben definite, i risultati conseguiti attraverso una qualsiasi attività. Facciamo un piccolo esempio:

Come avviene nel mondo reale in un negozio tradizionale  i clienti entrano per vedere un prodotto, valutano i prezzi ed eventualmente acquistano. Il proprietario di un negozio fisico sa perfettamente quali sono i prodotti più venduti, ha imparato a conoscere i propri clienti e sa esattamente quale promozione esporre in vetrina.

Allo stesso modo il proprietario di un e-commerce dovrebbe saperlo.

Fare Web Analytics significa analizzare il comportamento degli utenti all’interno del sito. Capire da dove provengono, quali campagne hanno generato più profitti ecc… grazie alla raccolta di dati abbiamo l’opportunità di migliorare continuamente le proprie performance.

Grazie al digital marketing i clienti e le persone occupano un ruolo di centralità e attenzione, il filo conduttore infatti è proprio l’esperienza del cliente. Inoltre il mondo del digital ci permette di creare campagne molto meno costose e questo si traduce nella possibilità di testare e fallire senza grosse perdite a livello monetario.

Fidelizzazione più efficace. Le iniziative personalizzate aiutano a creare un rapporto più intimo e stretto con il destinatario, che sul web ha maggiori possibilità di interagire e dialogare direttamente con il brand, fornendo feedback utili per migliorare prodotti e servizi.

Se il brand ascolta ciò che le persone hanno da dire sui loro bisogni e desideri in relazione a un prodotto o servizio, la possibilità di instaurare una relazione duratura basata sulla fiducia è certamente più alta.

Tanto più una impresa considera il sito internet una risorsa strategica nel paniere degli strumenti di marketing o di vendita, tanto più troverà quest’approccio basato sul digital marketing uno strumento fondamentale.

Un abbraccio,

Matteo